Vigneti a Guagnano di Tenuta Marano

Tenuta Marano - i vigneti

Gli ettari di vigneto della nostra produzione sono tutti nelle diverse contrade di Guagnano, territorio del Salento orientale dal clima mediterraneo, ricco di tradizioni e di storia vinicola, che da sempre fonda la sua economia sulla coltivazione del Negroamaro. I fertili terreni dell'area e le giuste condizioni di luce e temperature trasmettono alla produzione vinicola evidenti e apprezzabili qualità organolettiche, qualità che vengono mantenute ed esaltate dall'azienda nel processo di imbottigliamento dei suoi vini per un prodotto all'altezza delle migliori aspettative. In accordo con il Comune di Guagnano, alla nostra Tenuta viene riconosciuto l'utilizzo del logo "Terre del Negroamaro" sinonimo di produzione geografica protetta.

I vini de le Terre del Negroamaro

Tenuta Marano produce attualmente 4 vini, che identificano il territorio del Salento e in particolar modo le Terre del Negroamaro, con una produzione DOP, Igp, Igt , così identificata:

  • Ameno un Primitivo
  • Raritas un Negroamaro
  • None un rosato di Negroamaro
  • Sine uno Chardonnay

oltre a uno spumante rosè di Negromaro in tre tipologie di gusto: "extra brut" "extra dry", "dolce": lo spumante rosè Carlo V è la punta di diamante della produzione e, totalmente prodotto e imbottigliato al sud, è chiamato così per ricordare Carlo d'Asburgo, Imperatore del Sacro Romano Impero, una delle più importanti figure della storia d'Europa, a cui si attribuisce l'affermazione secondo cui sul suo regno - come nelle nostre terre - non tramontava mai il sole.


Il vino prepara i cuori e li rende più pronti alla passione.Ovidio (43 a.C. - 17 d.C.)

PRESS | NEWS

Incontro tra i comuni di Guagnano e Canelli

01/09/2016

Incontro tra i comuni di Guagnano e Canelli

Patto di amicizia tra regioni e tradizioni diverse

Merano Wine Award 2016

01/09/2016

Merano Wine Award 2016

Premio Merano Wine Award al Salice Salentino "Raritas"

Evento

30/08/2016

Evento "Brindiamo sotto le stelle"

Brindiamo sotto le stelle, Santa Caterina di Nardò - 10/08/2016